/

Descrizione

A pochi km da Pisa, ai piedi del Monte Pisano, Calci deriva il suo nome da antiche cave di calce di epoca romana. Per la sua posizione strategica e la presenza della vicina Fortezza della Verruca si è spesso trovato coinvolto nelle guerre medievali tra Pisa e Firenze.

Il suo territorio rappresenta un contesto ambientale unico, una conca naturale con versanti terrazzati dall’uomo e coltivati ad olivi, da cui si ricava un olio extravergine di oliva finissimo e ricercato.

A partire dal Cinquecento, l’abbondanza di acque, raccolte e convogliate nel fiume Arno dai piccoli fiumi vicini, determina il nascere di una fiorente attività molitoria (olive e cereali) da cui l’appellativo di “Paese dei cento mulini” (e a maggio si ricorda questo periodo con il “Gioco del Mulino”).

La persistenza di casolari e corti, addossati a conventi o chiese fra oliveti e castagneti ha dato il nome di Val Graziosa alla valle che si affaccia al mare ed è protetta a nord dai Monti Pisani. Questa circostanza consente tutto l’anno un clima favorevole che invita a passeggiate attraverso località interessanti dal lato naturalistico, ambientale e storico-artistico. Ogni percorso è individuato con opportuna segnaletica.

Calci vanta gioielli architettonici come la Pieve romanica dei Santi Giovanni ed Ermolao, piccoli borghi e ville signorili, ma soprattutto il Museo Nazionale della Certosa Monumentale (Cartusia Pisarum), un complesso monastico del XIV secolo che, oltre alla splendida area conventuale, ospita il Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa, tra i più importanti d’Europa e con l’acquario di acqua dolce più grande d’Italia.

 

 



Informazioni
Ufficio Informazione Turistica
c/o Biblioteca Comunale
Via Vincente della Chiostra, 49
56011 Calci
t. 050 939561
www.comune.calci.pi.it

 

Zona geografica
Monte Pisano

Abitanti
oltre 6.000

Distanza dal capoluogo
12 km

/

Area Camper