/

DESCRIZIONE

La costruzione degli Arsenali Medicei partì durante gli anni di potere di Cosimo I (1537-1574), facendo parte della sua ampia politica di riorganizzazione territoriale, poi ripresa dai figli Francesco I e Ferdinando I. Al momento della conquista da parte dei fiorentini nel 1509, Pisa era in una condizione di decadenza e spopolamento. Per rinvigorirla, Cosimo decise di fare della città un polo di sviluppo economico, complementare anziché antitetico a Firenze.

Lo scopo principale era dare a Pisa il ruolo di centro marittimo del territorio mediceo e la costruzione degli Arsenali ne era il passo fondamentale. Ebbe così inizio la costruzione del nuovo Arsenale nella zona sud della città, tra il ponte della Cittadella, la chiesa di S.Agnese e quella di S.Vito.

Il nuovo complesso era articolato in otto navate impostate su archi poggianti su pilastri, con tetto a capanna con uno scheletro ligneo. Gli archi non presentavano le catene, al fine di non ostacolare in altezza la costruzione delle navi, mentre la spinta degli archi trasversali era contenuta da un lato dalla navata appoggiata a S.Vito, dall’altro da una navata più piccola, detta Sprane, costruita appositamente.

Le sue dimensioni prendevano decisamente in considerazione le misure delle navi più grandi (59 metri in media di lunghezza, oltre 8 metri in media di altezza e le campate variano dai 10,65 ai 9,20 metri), per non incorrere in pericolosi danneggiamenti alla struttura al momento della creazione di una nuova imbarcazione.

L’attività cantieristica impegnata nella fabbricazione soprattutto di barche e barconi destinati a privati continuò, con periodi alternanti di felicità, fino alla metà del XVIII secolo. In questa occasione le arcate furono chiuse e, quando nell’XIX secolo, gli Arsenali divennero sede del Deposito degli Stalloni vennero distrutte alcune aree per trasformarle in cortili e vennero inoltre rialzati i muri dei capannoni più bassi.

Con la II Guerra Mondiale, poi, i bombardamenti distrussero tutta la zona della Cittadella, facendo completamente crollare uno dei capannoni.
Gli Arsenali Medicei, sul Lungarno Simonelli, da giugno 2019 ospitano il Museo delle Navi Antiche di Pisa.

Pisa | Arsenali Medicei