/

DESCRIZIONE

E’ il Battistero più grande della Cristianità. Circonferenza: 107 metri, Altezza: 55 metri, stesso diametro della facciata della Cattedrale. La fondazione risale al 1152, ma la sua costruzione (finanziata dai Pisani che ogni anno si autotassavano), ha avuto una durata di oltre due secoli con diversi architetti a dirigere i lavori, da Diotisalvi a Nicola e Giovanni Pisano che aggiunse il coronamento del matroneo e la copertura.

La facciata in stile romanico pisano presenta una ricchissima decorazione di sculture, molte delle quali sono stati trasferite al vicino Museo dell’Opera del Duomo (riaperto al pubblico nel 2019 dopo una magistrale ristrutturazione). Il portale di inizio Duecento rivolto verso la Cattedrale è opera di scultori della scuola greco-bizantina. Sulla cupola coperta da tegoli rossi verso il mare e da lastre di piombo verso levante spicca una statua in rame dorato che raffigura S. Giovanni (1395, anno della fine dei lavori).



Una acustica straordinaria: Il sistema di copertura è costituito da una doppia cupola, una interna a tronco di piramide e una esterna a calotta emisferica. Questa particolare struttura architettonica consente un’acustica eccezionale che ne fa un vero e proprio ‘strumento musicale’. Il personale in servizio ogni 30 minuti dà al pubblico di visitatori una breve dimostrazione, intonando qualche nota e lasciando fare il resto al magico riverbero che si produce nel maestoso cilindro del Battistero.

Una struttura imponente:  Otto colonne monolitiche alternate a quattro pilastri gareggiano in altezza con quelle della Cattedrale. Un matroneo, al quale si accede da una scala a elica, si affaccia sul vano centrale donando una prospettiva particolare da cui osservare il fonte battesimale di scuola lombarda, il pulpito di Nicola Pisano e le intricate geometrie del pavimento di matrice araba.


 

 



Iscriviti alla nostra Newsletter!