/

DESCRIZIONE

Costruito a fine Cinquecento dal nobile volterrano Attilio Incontri, fu acquistato nel 1850 dalla famiglia Viti, grazie all’enorme fortuna economica accumulata dal mercante di alabastro Giuseppe Viti, che dedico’ tutta la vita al commercio, recandosi bambino prima negli Stati Uniti, poi in Sud America e India. Qui i ricchi nababbi e maraja comprarono i capolavori di alabastro facendo diventare ricchissimo il mercante volterrano e regalandogli anche molti oggetti.

Nelle 14 sale sono esposti molti “souvenir” dei suoi viaggi commerciali: oggetti in ambra, avorio, miniature cinesi e indiane, pezzi in alabastro tra cui i due monumentali candelabri realizzati per Massimiliano d’Asburgo. Le sale vantano pregevoli arredi d’epoca (dal XVII al XX secolo), opere pittoriche, collezioni di ventagli e porcellane.



Il palazzo è stato il set del film di Luchino Visconti “Vaghe Stelle dell’Orsa” con Claudia Cardinale e Jean Sorel, vincitore del Leone d’Oro al Festival del Cinema di Venezia nel 1964. E’ spesso location di visite teatrali personalizzate