Marchesi Ginori Lisci

Dettagli

Dove Mangiare - Ristorante

Cantine -

Contatti





Controllo Antispam

Dichiaro di aver preso visione delle presenti condizionie generali di contatto, manifesto il consenso al trattamento dei miei dati personali.

  • Località
  • Montecatini Val di Cecina - via del Borgo, Loc. Querceto, 56040 Ponteginori, Montecatini V.C., (Pisa)
  • Persona Di Riferimento
  • Cristina Sannazzaro (Appartamenti/Ristorante) Anna Spikic (Appartamenti) - Fabiola Sarti (Enoteca/degustazioni)


Nel borgo di Querceto sono dislocati 12 appartamenti per vacanze che sono stati ristrutturati rispettando tutti gli elementi tipici delle case toscane di campagna di una volta: le travi a vista, i pavimenti in cotto, i camini, le stufe a legna… Gli appartamenti e residence in Toscana, dotati ognuno di un proprio fascino, hanno ampie camere da letto, cucina, bagno e salotto e da quasi tutte le stanze si può godere di una vista meravigliosa sulla campagna toscana. Imperdibile per chi arriva a Querceto è la visita in cantina con degustazione finale dei vini Marchesi Ginori Lisci, Montescudaio DOC e dell’olio extravergine d’oliva. I visitatori saranno condotti in una breve e piacevole passeggiata lungo il borgo scoprendo la storia del Castello fino ad arrivare ai luoghi della produzione vinicola.



/Servizi

Il ristorante la Locanda del Sole che si trova nella piazza principale del borgo di Querceto, è sempre stato un punto di riferimento per i “viandanti” ed un luogo di ritrovo per i quercetani: negli anni ’60 era punto di telefonia e bar, poi è diventato ristorante e locanda. Con il 2019, e più precisamente con l’11 aprile, inizia un nuovo progetto, attivo già dalla fine della stagione estiva 2018, sotto la gestione della famiglia Ginori Lisci e con un’offerta diversificata dalla caffetteria al tagliere, ai menù firmati Luca Tafi, cuoco radicato nella propria terra, autore di una cucina sobria ma con un pizzico di malizia.

  • Ospitalità con 12 appartamenti
  • Ristorante
  • Vendita vino, degustazioni, visite guidate in cantina
  • Aperitivi, concerti e mostre d'arte da Maggio a Settembre

Da sapere/informazioni di servizio Le nostre case vacanze sono disponibili da aprile ad ottobre per soggiorni di minimo 2 notti in media stagione e di una settimana in alta stagione. tel. 0588-37472 Mobile 335-5405006 info@castelloginoridiquerceto.it La piscina a disposizione dei nostri ospiti si trova a circa 500 metri dagli appartamenti in fondo ad un sentiero circondato dalla macchia mediterranea e da alberi di ulivo. Le visite guidate in cantina sono disponibili solo su prenotazione per un minimo di 4 persone. Per informazioni: shop@marchesiginorilisci.it oppure telefonare allo 0588 37472 o 345 3234042. La nostra ENOTECA “LA DISPENSA DEL CASTELLO” dal 1 novembre al 1 aprile è aperta nei giorni di venerdì, sabato e domenica dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00, mentre dal 1 aprile al 1 novembre è aperta tutti i giorni dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00. Il ristorante la Locanda del Sole riaprirà a fine marzo 2020. Per info e prenotazioni: 338 6390181 – locanda@castelloginoridiquerceto.it.


Attività possibili Oggi il borgo, ancora abitato dai quercetani, è diventato anche una residenza estiva con dieci case vacanza, ristrutturate mantenendo l’autentico stile delle case di campagna di una volta, nel rispetto della loro funzione passata per offrire agli ospiti un’esperienza intensa nel segno dell’autenticità. Le case vacanze in Toscana dotate ognuna di un proprio fascino offrono alle coppie un’atmosfera intima e romantica, alle famiglie ed ai gruppi il piacere di sentirsi parte di questa piccola comunità, capace di riportare al centro l’uomo con i ritmi di una volta. La prossimità al mare della costa Toscana (km 25) ma immersi in un contesto naturale integro, ne fanno una scelta di vacanza diversa per intenditori del vivere naturale e per coloro che sono alla ricerca di una vacanza all’insegna del relax, della tranquillità e della pace. La vicinanza a Volterra ricca di fascino e ai piccoli borghi di Bolgheri e di Castagneto Carducci, rendono Querceto il punto di partenza ideale per interessanti gite giornaliere. Tra i servizi offerti, la piscina di 18mt x 6mt, immersa tra gli olivi, da cui si gode un panorama di rara bellezza e la terrazza comune sotto la torre del castello, sono i più graditi dagli ospiti delle case vacanze. Castello Ginori di Querceto, inoltre, è circondato da sentieri ed itinerari per gli amanti del trekking e del cicloturismo, sport molto praticato in questa parte di Toscana. In media stagione possibilità anche di brevi soggiorni in Bed & Breakfast per chi preferisce questo genere di ospitalità. Da non perdere la visita alla cantina Marchesi Ginori Lisci seguita dalla degustazione dei vini dell’azienda vinicola di famiglia iscritta alla DOC Montescudaio e del pregiato olio extravergine di oliva. Nella piazzetta del paese, raggiunto da connessione wi-fi gratuita, si trova il ristorante la Locanda del Sole che propone nel suo menù i piatti tipici della cucina toscana e locale e dove, con la bella stagione, è possibile mangiare all’aperto.

Nei dintorni Il mare dista solo 20/45 minuti da Querceto con località balneari famose come Castiglioncello, con scogli, e Cecina, Marina di Bibbona, Donoratico e San Vincenzo con lunghe spiagge di sabbia, attrezzate e non. Per un bagno insolito vi consigliamo un angolo paesaggisticamente unico del fiume Cecina: il Masso delle Fanciulle. DINTORNI RICCHI DI STORIA A 20/30 minuti dalle case vacanze di Querceto in Toscana: Montegemoli Borgo con una piazza di forma ovale con la Torre e la chiesa romanica di S. Bartolomeo ricordata per la prima volta nel 1135, ha subito diverse modifiche e restauri nel secolo XVIII, nel 1841 e nel 1993. Montecatini Val di Cecina Piccola cittadina medioevale, dove si può ammirare un’alta torre (XII sec.), il Palazzo Pretorio, la Torre Belforti e la chiesa romanico-gotica di S. Biagio. La storia di Montecatini Val di Cecina è legata alla Miniera di Rame di Camporciano rimaste in attività fino al 1907 che ha dato il nome ad una delle maggiori industrie estrattive d’Europa: la Montecatni Spa divenuta poi Montedison: tappa storica nel campo dell’estrazione del rame. Gli etruschi furono i primi a sfruttare le abbondanti risorse naturali di questa zona, utilizzando il prezioso minerale per forgiare utensili e suppellettili ornamentali. Per perpetuare questi importanti momenti storici comune ha realizzato, nell’ex-area mineraria, ed in ciò che rimane delle strutture, un parco museale di archeologia industriale. Vengono, così, organizzate delle interessanti visite guidate. Per informazioni chiamare il numero di telefono 0588.31026 Casale Marittimo Piccolo paese medioevale. Sono ancora visibili i resti delle mura del castello, che dominava la costa e tutta la vallata. Da vedere la chiesa di Sant’Andrea Apostolo, la chiesa di San Sebastiano, la chiesa della Madonna. Guardistallo Guardistallo è una vera perla, situata sulle tipiche colline toscane, è caratterizzata da resti storici, costruzioni interessanti dal punto di vista architettonico e spettacolari panorami. Importanti la chiesa dei Santi Lorenzo e Agata, il Teatro Marchionneschi, il Convento di Nostra Signora di Valserena, le mura. Montescudaio Antica sede monastica benedettina e capoluogo della diocesi di Volterra, castello dei conti Della Gherardesca, fondato alla fine del XII secolo nel luogo di una preesistente chiesa di Santa Maria, Montescudaio gode di un panorama da cui sono visibili la piana della valle del Cecina, tutte le isole dell’Arcipelago Toscano fino alle montagne della Corsica. Bibbona Il territorio di Bibbona si estende nella Val di Cecina, sulle propaggini delle colline Metallifere, comprendendo una parte collinare ed una pianeggiante, posta lungo il litorale tirrenico.?Il centro storico del borgo, dalle caratteristiche strade lastricate in pietra, ospita alcuni edifici di notevole valore artistico e storico. La medievale Pieve di Sant’Ilario, fondata nell’XI secolo ed ampliata nel secolo seguente, che oltre ad opere pittoriche di rilievo conserva un prezioso tabernacolo in marmo bianco. Il Palazzo del Comune Vecchio, anch’ esso di impianto medievale, dalla facciata ornata dai numerosi stemmi delle famiglie nobiliari. La chiesa di San Giuseppe, fondata nel 1589. La chiesa di Santa Maria della Pietà, che si trova all’ingresso del piccolo borgo è di grande valore sia artistico che architettonico, risalente al XV secolo. Bolgheri Il caratteristico borgo si è sviluppato attorno al castello medievale che sorge su una modesta altura raggiungibile attraverso il suggestivo “Viale dei Cipressi”, strada lunga quasi 4 km che ha inizio a valle sulla Via Aurelia proprio dinanzi al settecentesco Oratorio di San Guido: il luogo è stato reso celebre dai versi di Giosuè Carducci nella poesia “Davanti a San Guido” (1874). A Bolgheri si può ammirare il Castello dei Conti della Gherardesca e visitare la casa di Giosué Carducci; è possibile anche trovare vari percorsi per gli appassionati di trekking. Per gli amanti della buona cucina e del buon vino, Bolgheri è il posto ideale con i suoi ristoranti tipici e le numerose enoteche; noi Vi suggeriamo il “Bar Enoteca Tognoni Francesco” in Via Lauretta 5. A 30/45 minuti da Querceto: Volterra Famosa cittadina etrusca, molto importante durante il Medioevo e il Rinascimento, attualmente ricordata per la lavorazione dell’alabastro. Si può ammirare: la Piazza dei Priori, intatta come quando fu realizzata nel XII-XIII sec., dove si trova il Palazzo dei Priori (1250); il Duomo (XII sec.) in Piazza S. Giovanni, con la scultura in legno di origine romanica “Deposizione” (XIII sec.) e il Battistero decorato con marmi bianchi e verdi; la tipica “Casa-torre” medioevale del Buonparenti e la “Casa-torre” Toscana (XIII sec.). Deve essere assolutamente visto il Museo Guarnacci con la sua ricca e interessante collezione di arte etrusca e la restaurata Pinacoteca. Lasciando il centro potrete visitare il Teatro Romano (I sec. d..C.) e ammirare la splendida vista dalle “Balze”. Larderello Si trova al centro della cosiddetta “Valle del diavolo”, così chiamata a causa del suo paesaggio caratterizzato dalla presenza di soffioni boraciferi con le caratteristiche colonne di vapori bianchi (già noti all’epoca di Dante Alighieri e a lui ispiratrici dei paesaggi dell'”Inferno”), di gigantesche torri evaporative (ora non più in uso) e di una rete di condutture esterne per il vapore geotermico provenienti dai vari pozzi. Il paese prende nome da François Jacques de Larderel, industriale di origine francese che intorno al 1827 perfezionò l’estrazione dell’acido borico dai fanghi dei cosiddetti “lagoni”, già iniziata con metodi poco efficienti nel 1818. Larderello è la prima esperienza al mondo di sfruttamento dell’energia geotermica per la produzione di energia elettrica. Nel 1904, grazie al principe Piero Ginori-Conti, si è iniziato ad utilizzare l’energia dei soffioni per la generazione di energia elettrica. Si sono poi scavati pozzi (dal 1931) in grado di alimentare una produzione sensibilmente maggiore e nel 1937 si sono costruite le prime torri di raffreddamento. Successivamente l’ENEL ha costruito una centrale che, prelevando direttamente il vapore che fouriesce dal suolo, lo convoglia all’interno di turbine collegate ad alternatori. Larderello ospita un interessante Museo della geotermia: Tel. 0588 67724.


Contatti





Controllo Antispam

Dichiaro di aver preso visione delle presenti condizionie generali di contatto, manifesto il consenso al trattamento dei miei dati personali.

Iscriviti alla nostra Newsletter!