/

Descrizione

Palaia è un comune della Valdera di 4500 abitanti situato a 45 km da Pisa. Di origine etrusca, come testimoniano i ritrovamenti di tombe e reperti di vario genere, Palaia ha conosciuto un relativo periodo di prosperità nel XIII secolo, quando fu costruita la Pieve di San Martino (1279).

L’edificio in cotto, decorato da archetti pensili con elementi romanici e gotici, pare sia da attribuire ad Andrea Pisano. L’interno a tre navate vanta una fonte battesimale in pietra proveniente da un antico tempio distrutto. Nella pieve si svolge ogni anno una rassegna internazionale di corali.Anche la Chiesa di Sant’Andrea, nell’ omonima piazza, conserva preziose opere d’arte del Valdambrino, Giovanni Pisano e Andrea Della Robbia.

La memoria delle tradizioni agricole si ritrova nei dintorni di Palaia. Nel borgo di Montefoscoli, presso la dimora della famiglia pisana Vaccà Berlinghieri, ha oggi sede il Museo della Civiltà Contadina, dove sono esposti attrezzi e utensili e si possono visitare le cantine, il frantoio e il coppaio. Sempre a Montefoscoli merita una visita il Tempio di Minerva Medica, luogo di misteriosi esperimenti e di esoterismo.

Palaia è punto di partenza per escursioni paesaggistiche di grande bellezza,lungo la Strada del Vino delle Colline Pisane oppure lungo quella che da Palaia attraversa i borghi di Colleoli, (antico castello oggi trasformato in palazzo), i borghi fantasma di Villa Saletta (dove sono stati girati i film “La Notte di San Lorenzo” e “Fiorile” dei fratelli Taviani e “Io e Napoleone” di Paolo Virzì) e Toiano, segnalato al Fondo Ambiente Italiano come luogo del cuore da salvare. Il borgo disabitato si trova in una zona di notevole interesse paesaggistico, tra dolci colline e aspri calanchi di sabbia.

 



Informazioni
Ufficio turistico
Piazza della Repubblica, 56
56036 Palaia
t. 0587 621437
www.palaiatoscana.it

 

Zona geografica
Valdera

Abitanti
oltre 4.000

Distanza da Pisa
44 km