/

Descrizione

Buti è un borgo la cui origine risale al periodo romano, anche se il primo documento che attesta la sua esistenza è del 1068, quando era già dotato di chiese e di mura fortificate. Per la sua importanza strategica si trovava, in epoca medievale, al centro di un sistema fortificato da otto castelli, ed era teatro di frequenti scontri tra Pisa, Lucca e Firenze.

Buti è situato sulle pendici orientali del Monte Pisano, in un ambiente naturale costituito da oliveti (lungo la Strada dell’Olio Monti Pisani) castagneti, sentieri e strade facilmente percorribili che consentono escursioni a piedi, in bici o MTB. E per chi ama gli sport estremi, è da provare il percorso della ferrata di Sant’Antone.

I monti sono ricchi di corsi d’acqua e di vaste aree coltivate a olivo e castagno. Non a caso, nell’Ottocento, il territorio fu sottoposto ad un’opera di importante investimento agricolo con la costruzione di numerosi mulini e di frantoi, dando vita ad un’economia fiorente basata sull’olio extravergine di oliva (assai rinomato) e prodotti derivati dal castagno, tra cui la fabbricazione di cesti e corbelli (purtroppo quasi scomparsa).

Buti presenta un ricchissimo calendario di eventi, soprattutto sagre gastronomiche, organizzate dalle contrade che corrono il palio della terza domenica di gennaio, in ordine cronologico il primo in Toscana.

A Buti si trova anche il grazioso teatro Francesco di Bartolo, dedicato al primo commentatore (butese) della Divina Commedia.

 



Informazioni Associazione Bubamara Piazza Divisione Acqui, 3 56032 Buti t. 0587 722519  www.comune.buti.pi.it

Zona geografica Monte Pisano

Abitanti oltre 5.000

Distanza da Pisa 24 km