• Lunghezza totale (km): 50
  • Percorribilità: in auto, in camper, in moto o vespa
  • Difficoltà: nessuna

Durante il periodo di Natale in tanti posti si possono trovare dei presepi curati nei minimi particolari, piccoli capolavori fatti a mano con pazienza e passione da veri e propri artisti artigiani.  In passato era consuetudine in alcune regioni italiane di far realizzare splendidi presepi a veri artisti, conservandoli poi in musei veri. Oggi, specialmente in Toscana, non vi è più questa consuetudine ma per diletto molte persone realizzano presepi che possiamo senza alcun dubbio definire da esposizione.


CALCI

L’itinerario inizia dalle pendici del Monte Pisano citato da Dante nella Divina Commedia “per cui i Pisani veder Lucca non ponno“. Si parte da Calci, famoso per la Certosa Monumentale e per l’adiacente Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa, al cui interno viene allestito un Presepe animato, con tanti personaggi fatti a mano dai fratelli Meucci, artisti locali. Salendo verso il Monte Serra, nella chiesa di Nicosia, un ex convento del periodo medievale, si rinnova la tradizione del Presepe che cresce, così detto perché ogni anno aggiunge nuovi personaggi e nuovi ambienti. Nel vicino borgo di Tre Colli, il presepe è invece allestito nella Chiesa della Madonna delle Grazie e si rifà al territorio della val Graziosa.


VICOPISANO

Proseguendo lungo la Strada dell’Olio dei Monti Pisani  eccoci a San Giovanni alla Vena, dove in una vecchia cantina si trova il ‘Presepe dell’Angelo, realizzato dall’artista locale Angelo Perini utilizzando tronchi e ciocchi d’olivo, interamente intagliati a mano. Non dimenticate di fare un salto a Vicopisano, borgo medievale con 13 case torri dominato dalla Rocca del Brunelleschi, esempio di sofisticata architettura militare.  E magari di acquistare o degustare il pregiato olio extravergine di oliva dei Monti Pisani presso frantoi o aziende agricole.


SAN ROMANO e MARTI

L’itinerario si sposta nella pianura del Valdarno Inferiore, in direzione Firenze. Tappa imperdibile a San Romano, un tempo teatro di una sanguinosa battaglia tra Pisani e Fiorentini immortalata dal pittore Paolo Uccello. Nel chiostro del Santuario della Madonna è allestito dal 1922 un presepe artistico conosciuto in tutta la Toscana. Alcuni numeri: 300 i mq di esposizione, 2 i mesi di lavoro per prepararlo, 20.000 la media dei visitatori. Nel vicino paese di Marti, ci sono oltre 100 i “Presepi sulla via realizzati dagli abitanti che trasformano le stradine dell’antico borgo in una grande mostra a cielo aperto.


CIGOLI e SAN MINIATO 

Degno d’attenzione quello nel vicino paese di Cigoli, dove viene realizzato un presepe palestinese tra i più tecnologici d’Italia all’interno del suggestivo Santuario della Madre dei Bimbi. Le dimensioni del presepe sono cresciute di anno in anno fino a raggiungere 100 mq, occupando tutto lo spazio disponibile nei suggestivi locali adiacenti al Santuario e raggiungendo un livello di dettaglio quasi maniacale. Queste caratteristiche acquisiste negli anni grazie al lavoro, alla passione e alla esperienza del Gruppo Giovani Presepisti, han fatto sì che Cigoli si posizionasse ai vertici dell´arte presepistica italiana.

Ultima tappa San Miniato, terra del tartufo bianco ma anche di presepi artistici. Nel centro storico viene ogni anno allestito il Presepe Artistico dell’artista locale Mario Rossi, con tanto di benedizione da parte del Vescovo la Notte di Natale. Si segnala la inaugurazione della Via dei presepi lungo la Via Angelica con oltre 30 presepi esposti nelle chiese, nei negozi e nel Vicolo Carbonaio.


PALAIA E FORCOLI

A Palaia si inaugura ogni anno il presepe artigianale di Massimo Brini, una rappresentazione che sarà visibile fino all’Epifania nel suo negozio in Piazza Sant’Antonio a Forcoli. Per quest’anno  l’arte di Brini è arrivata fino alla sede del Comune di Palaia: una rappresentazione di un boschetto tipico delle colline con la natività e il personaggio del tartufaio con i suoi cani. Domenica 26 Dicembre a Forcoli si svolge il presepe vivente dei catechisti della parrocchia, visitabile da via Nuova fino alla Chiesa di San Frediano, dalle 15,30 alle 18,30. Il giorno dell’Epifania, inoltre, il tradizionale presepe vivente a Montefoscoli “Un giorno da Presepe… in Arte”, aperto al pubblico all’interno del Museo della Civiltà Contadina.


Di altrettanto e più teatrale effetto sono i Presepi Viventi, realizzati con figuranti in carne ed ossa. Ma di quelli parleremo in un altro itinerario.
Si consiglia di visitare il sito Terre di Presepi dove sono raccolti tutti gli itinerari dei presepi in Toscana con informazioni dettagliate e aggiornate.


 

 

 



Resta aggiornato!