• Lunghezza totale (km): 100
  • Percorribilità: strada
  • Dislivello in salita (m): 1450
  • Difficoltà: medio/impegnativo

Nelle Terre di Pisa, dire San Miniato è un po’ dire tartufo bianco. Il clima e la caratteristiche del terreno fanno sì che qui si raccolga una grande quantità del prezioso e profumato tubero. Se dovessimo darvi un suggerimento, vi diremmo di prendervi 4-6 giorni di tempo per scoprire questo percorso. Ovviamente in bicicletta! 

Il percorso

Quest’oggi lascerete Casciana Terme in direzione Ponsacco e il percorso di 100km vi porterà a pedalare sulle strade delle Terre di Pisa vocate all’escavazione del Tartufo Bianco, fino a raggiungere San Miniato città “slow food”, nota per la Mostra Mercato del Tartufo e per altri prodotti tipici del territorio.


San Miniato

Rocca di Federico II

Questo splendido borgo si trova lungo la Via Francigena. I primi insediamenti risalgono al 700 d.C.. Nel Medio Evo, sotto Federico II (impossibile non riconoscere il profilo della sua Rocca) assunse un ruolo di grande importanza in Toscana. Fu infatti sede Vescovile dal 1622 in poi.

Con la Val d’Era alle spalle, dopo aver raggiunto sulle cima delle colline i paesi di Montefoscoli e Palaia, scenderete in Val d’Arno e – dopo oltre dieci di km di pianura nel verde della campagna Toscana – inizierete la breve ascesa a San Miniato. Nel centro storico una sosta per uno spuntino è d’obbligo.


Verso Montopoli in Val d’Arno

Arco di Castruccio Castracani | Montopoli in Val d'Arno | Terre di Pisa

L’arco di Castruccio Castracani

Lascerete San Miniato in direzione Calenzano sul crinale che fiancheggia la Via Francigena che abbandonerete per un su e giù fra le verdi colline alle spalle di San Miniato fino a raggiungere il borgo di Collebrunacchi, per poi ridiscendere in pianura. Dopo aver attraversato nuovamente La Serra, una stretta salita vi farà salire nuovamente di quota e dopo 4 km di saliscendi arriverete dritti nel centro di Montopoli in Val d’Arno. Qui i “segni del Medioevo” sono facilmente riconoscibili nell’Arco di Castruccio Castracani e nella Torre di San Matteoda cui si gode una meravigliosa vista dal Valdarno alle Alpi Apuane.

Una volta arrivati a Montopoli, si scende nuovamente per risalire poco prima del paese di La Rotta in direzione Palaia.


Direzione Casciana Terme

La strada è ombreggiata e sale a gradoni, con dei brevi tratti di discesa che permettono di recuperare forze e fiato. La lascerete dopo 5 km per scendere verso Forcoli. Poi, dopo altrettanti km di pianura, l’ultima vera “asperità” di giornata vi permetterà di arrivare a Santo Pietro Belvedere. Questo borgo sorge sorge su di un colle, ai piedi del quale scorre il Fiume Era. Ripartendo da lì, una pedalata di 10 km con un’ultima lieve salita vi riporterà finalmente a Casciana Terme!