Se avete fatto tappa a Pomarance, vi consigliamo di partire alla scoperta dell’Alta Val di Cecina. Si tratta di quel territorio della Toscana delimitato a nord dalla Val d’Era, ad est dall’Alta Versilia, a sud dalle Colline Metallifere e ad ovest dalla Val Cornia e dalla bassa Val di Cecina. 

“Verso il fiume Cecina”

Questo itinerario può essere percorso in auto, moto o bicicletta. In quest’ultimo caso si richiedono buone gambe ed allenamento per affrontare la seconda parte caratterizzata da un tratto di ripida salita (3,5 km).

Punto di partenza: Pomarance
Lunghezza: 19,5 km (21,5 km con la deviazione)
Durata: mezza giornata
Dislivello: 400 m circa
Tipo di strada: secondarie asfaltate (breve tratto di sterrato verso il fiume)
*La deviazione verso il fiume è praticabile salvo periodi di intense precipitazioni

L’itinerario inizia a Pomarance. Percorrendo la Strada Comunale “delle Macie” si seguono le indicazioni per gli agriturismi Pietraposa e Incanto del fiume. Inizia un tratto panoramico sulla valle del fiume Cecina, con Volterra e Montecatini Val di Cecina in vista. Dopo circa 3 km si arriva ad un incrocio: si gira a destra, dopo circa 1 km troviamo un bivio e si prosegue lungo il fondovalle. Dopo altri 3 km, ad un altro bivio, si segue la deviazione sulla sinistra lungo la strada sterrata che porta al fiume Cecina. Da qui si raggiunge uno slargo dove poter lasciare la macchina e proseguire a piedi attraversando un guado (con acqua bassa). Seguendo questo sentiero si arriva, con una bellissima camminata di un quarto d’ora circa, al famoso Masso delle Fanciulle, luogo ideale per un tuffo nell’acqua fresca e trasparente del fiume. Tornati all’innesto sulla strada asfaltata di fondovalle si trova un bivio ed imboccando la strada sulla sinistra si rientra a Pomarance passando nei pressi del podere di San Florestano e del ristorante La Dispensa. Lungo la strada potrete godere di un’impagabile vista della Rocca Sillana che domina il paesaggio circostante.


“Verso Montegemoli”

Questo itinerario può essere percorso in auto, moto o bicicletta. *Semplice itinerario con bellissime vedute e possibilità di acquistare il famoso pane di Montegemoli
Punto di partenza: Pomarance
Lunghezza: 21,2 km
Durata: mezza giornata
Dislivello: 210 m
Tipo di strada: asfaltata

pane montegemoli forno

Pane di Montegemoli

L’itinerario inizia a Pomarance, seguendo la direzione per Volterra e Cecina sulla SR 439. Dopo 2,7 km si gira a sinistra e, seguendo la Strada Comunale di Montegemoli, si attraversano vigneti ed oliveti godendo della vista panoramica del borgo di Micciano e del borgo di Libbiano sulla sinistra. Sulla destra si può invece ammirare il profilo di Volterra. La strada arriva al paese di Montegemoli e, poco oltre 1 km dopo il paese, è possibile prendere la deviazione sulla sinistra verso il forno di Montegemoli, situato all’interno di un casolare immerso nella campagna. Riprendendo la strada principale, in prossimità di un’azienda vinicola, si piega a destra sulla Strada Comunale di Cerreto-Canova fino ad arrivare a costeggiare l’azienda agricola il Cerreto. La strada piega a destra e sale fino a tornare a Pomarance.


“Borghi e foreste”

Questo itinerario può essere percorso in auto, moto o bicicletta ipotesi, quest’ultima, che richiede un ottimo livello di preparazione sia per il chilometraggio che per l’altimetria.

Punto di partenza: Pomarance
Lunghezza: 54 km (82,2 km con la variante “Anello di Micciano”)
Durata: una giornata
Dislivello: 800 m (1200 m con la variante)
Tipo di strada: secondarie asfaltate e sterrate (forestali)
*Itinerario di grande valore ambientale e paesaggistico. Con la variante di Micciano potrete scoprire la Riserva Naturale di Monterufoli. Tra le deviazioni consigliate, quella verso il borgo di Montecerboli e l’altra, di circa 4 km, verso San Dalmazio e la Rocca Sillana (raggiungibile a piedi dal parcheggio in 15 minuti).

L’itinerario inizia a Pomarance in direzione Cecina. Dopo 1,8 km si piega a sinistra sulla SP 47 “di Micciano” e dopo 3 km si arriva verso fondovalle, da cui poter ammirare uno stupendo panorama, fino ad attraversare il ponte sul torrente Trossa. Sopo 200 m si gira verso il borgo di Libbiano dove si arriva dopo 6 km. Qui termina l’asfalto ed inizia lo sterrato che porta all’interno della Riserva Naturale di Monterufoli-Caselli. Un lungo e bellissimo percorso all’interno della riserva conduce nei pressi della fattoria di Monterufoli e, poco dopo, al bivio a destra per il borgo di Micciano.

Variante “Anello di Micciano”
Seguendo il cartello “itinerario dei borghi e dei castelli” si arriva in 3 km alle porte di Micciano, di nuovo su strada asfaltata. Da qui una strada a tornanti di 15 km arriva a fondovalle fino al bivio per Libbiano. A questo punto la variante termina (ricollegandosi alla strada che porta prima a Libbiano e poi alla deviazione per Micciano).

Ripresa percorso principale

Castelnuovo Val di Cecina | Terre di Pisa

Castelnuovo Val di Cecina

Proseguendo dritto, in 5 km la strada SP 329 “di Bocca di Valle” piega a destra per il borgo di Lustignano. Un breve anello intorno al paese riporta sulla stessa strada fino alla SP 329 dove si gira a destra verso il borgo di Serrazzano.

L’itinerario continua in direzione di Castelnuovo Val di Cecina tra le Colline Metallifere fino ad un grande incrocio, seguendo la sinistra si percorre la SR 439. Sulla destra si possono vedere i soffioni di energia geotermica di Larderello ed il borgo di Montecerboli. Dopo circa 5 km sulla sinistra inizia il sentiero verso gli storici Bagni termali di San Michele, da raggiungere a piedi in 10-15 minuti. Si consiglia poi una deviazione verso il borgo di San Dalmazio e la Rocca Sillana (15 minuti a piedi dal parcheggio) prima di rientrare a Pomarance terminando l’itinerario.