/

14/03/2024 - 17/03/2024

-

Centro storico Pisa
Ponte di Mezzo
56100 Pisa


Una settimana di appuntamenti per celebrare la figura di Filippo Mazzei, morto a Pisa più di duecento anni fa dopo una vita tra filosofia, agronomia, medicina, commerci e amore per l’arte.

Vedi programma alla pagina


Chi era Filippo Mazzei (1730-1816):  la sua è una grande storia, curiosamente poco nota ma di grande rilievo. Apparteneva al genere dei grandi eroi cosmopoliti senza frontiere del settecento: fu un po’ Casanova e un po’ Cagliostro, ma con assai maggiore profondità, con raro talento diplomatico e politico, con vasti orizzonti intellettuali e con una inesauribile ironia.

Fu protagonista alle grandi vicende del suo secolo, conobbe gli uomini più rappresentativi, fu «impresario» di cultura e politica tra Europa ed America ed è stato l’italiano che più ha fatto conoscere l’ideologia e i costumi dell’America in Europa, prima di Tocqueville. Partecipò alla rivoluzione americana e alla stesura delle mitiche carte dei diritti,( a lui J.F.K attribuisce nel suo libro A Nation of Immigrants la frase copiata da Jefferson sull’uguaglianza tra gli uomini e la ricerca della felicità ). Visse gli ultimi decenni della sua vita a Pisa, dove è sepolto nella chiesa del cimitero suburbano

Ti è stato utile?
Resta aggiornato!