/

01 Luglio 2019 - 31 Agosto 2019

-

Arsenali Medicei
Lungarno Ranieri Simonelli, 14
Pisa

Gli Arsenali Medicei di Pisa ospitano da giugno 2019 il Museo delle Navi Antiche di Pisa.
Si articola in 8 aree tematiche, all’interno delle quali si snodano, in una sequenza logica, le sezioni del museo, che raccontano la storia della città di Pisa dalle origini al Medioevo ed espongono le navi e i loro carichi, fatti di anfore, materiale organico, vetri, metalli.

Aperture serali luglio e agosto: tutti i sabato e domenica aperti fino alle 20:30.

Il museo osserva il seguente orario :
Venerdì, sabato e domenica: dalle 10.30 alle 18.30,
Mercoledì dalle 14.30 alle 18.30
Giorni di chiusura: Tutti i lunedì, 25 e 31 dicembre, Domenica di Pasqua, 25 aprile, 1 maggio, 15 agosto

Visite su richiesta per gruppi e scuole
Martedì e giovedì dalle 10 alle 16, Mercoledì dalle 10 alle 13

Visite tematiche gratuite: tutte le domeniche ore 11.00 e 12.00 | Durata 45 minuti

Ingresso: Biglietto intero € 10,00, Ridotto € 8,00 (gruppi oltre 10 pax, over 65, CRAL)
Ridotto € 5,00 (residenti comune di Pisa, scuole, da 6 a 18 anni), Biglietto famiglia € 20,00

Prenotazione obbligatoria con diritti di prenotazione: gruppi € 20,00, scuole € 10,00

Indirizzo: Lungarno Ranieri Simonelli, 14 – Pisa

Contatto: 050 8057880
Info biglietti: www.navidipisa.it/

 

 

Aperture serali estive Museo delle Navi Antiche di Pisa

Lo scavo e il restauro
Nel 1998, durante i lavori presso la stazione di Pisa San Rossore, a circa tre metri di profondità emerse un’impressionante serie di relitti di navi. Fu aperto un grande cantiere di scavo, concluso nel 2016, che ha restituito circa trenta imbarcazioni di epoca romana e migliaia di frammenti ceramici, vetri, metalli, elementi in materiale organico. Il laborioso lavoro di archeologi e restauratori ha ricomposto il mosaico di una lunga storia, fatta di commerci e marinai, navigazioni e rotte, vita quotidiana a bordo e naufragi.
Lo scavo archeologico ha permesso di ritrovare una grande quantità di oggetti di legno, che si sono conservati perché completamente imbevuti d’acqua.