/

28/05/2021 - 30/05/2021

-

Viale delle Piagge
Viale delle Piagge
Pisa


La festa di Sant’Ubaldo ha origini antiche e solenni al punto che in passato si svolgeva alla presenza delle maggiori autorità ecclesiastiche con un bagno di folla di pellegrini che giungevano in Pisa per ricevere la benedizione. Sant’Ubaldo è infatti invocato ancora oggi per intercedere e allontanare il demonio e i mali della mente. Da 41 anni, in genere a metà maggio ma quest’anno posticipato a fine mese, il viale delle Piagge si anima di mille colori per la Fiera a lui dedicata, conosciuta anche come “Settimana delle Piagge. Il viale alberato dal Ponte della Vittoria alla Chiesa (circa 2 km) viene chiuso al traffico per lasciare spazio a oltre un centinaio di bancarelle e stand che espongono soprattutto in aree predisposte: AREA DEI SAPORI, AREA ARTIGIANATO, AREA TECNICO GENERALE E SERVIZI, AREA ESTERNA

Visite guidate alla Chiesa di San Michele degli Scalzi (durata 30 minuti, con guida turistica abilitata)
sabato 29 ore 15.00 e ore 16.00; domenica 30 ore 11.30. 12.30, 15,30, 16.30 e 17,30
Prenotazione necessaria: 339.5461383. Le visite sono effettuate nel rispetto delle norme anti Covid e con il limite di 20 persone a turno

Causa emergenza sanitaria, non ci sarà la Regata dei quattro quartieri storici pisani che tradizionalmente anticipa quella del Palio di San Ranieri del 17 giugno.


Chi era Sant’Ubaldo: Ubaldo Baldassini nacque intorno al 1085 in una famiglia di origine tedesca, in Umbria. Alla morte del padre Rovaldo il giovane Ubaldo fu affidato allo zio che lo avviò alla vita religiosa che intraprese con fervore, tanto da essere nominato vescovo di Gubbio. Si distinse per una costante lotta alla corruzione e alle sue preghiere si attribuì il merito di aver fermato la furia dell’imperatore Federico Barbarossa giunto alle porte della città. Patrono della città di Gubbio, Sant’Ubaldo diventò riferimento di fede ben oltre il confine umbro. Nella tradizione popolare si assegna al santo la capacità di guarire dai mali della mente ed intercedere per allontanare il demonio. La devozione del Santo in San Michele degli Scalzi a Pisa ha origini di fine Settecento.