/

DESCRIZIONE

Il Battistero fu costruito nel XIII secolo, anche se alcuni elementi architettonici e decorativi lo farebbero risalire ad epoca anteriore. L’interno in pietra volterrana presenta sei nicchie incassate nelle spesse mura, secondo una tecnica usata in questa zona nel secolo XII. La sua forma ottagonale a cupola ha una facciata rivestita di marmi bianchi e verdi con un portale che mostra chiaramente l’influenza dello stile romanico pisano.



All’interno sono conservate sculture di Mino da Fiesole e Alessandro Balsimelli da Settignano, mentre la tavola sull’altare è opera di da Nicolò Cercignani, detto il Pomarancio. Nella nicchia a destra dell’altare si trova un fonte battesimale a forma di pentagono, opera di Andrea Cuntucci, detto il Sansovino.