/

DESCRIZIONE

Il Duomo di San Miniato, ovvero la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta e San Genesio (secolo XII), si affaccia sulla grande Piazza chiamata “Prato del Duomo”. 

Facciata in romanico pisano

Il Duomo prese il nome anche di San Genesio nel 1248, quando fu distrutto il borgo di San Genesio sulla Via Francigena dove adesso si trova l’area archeologica.

L’enigmatica facciata in stile romanico pisano è rivestita di mattoncini dove sono inseriti 26 bacini ceramici decorati, la cui disposizione ha fatto pensare ai Carri dell’Orsa orientati verso la stella polare. Il cristiano è il pellegrino-navigante, orientato dalla Chiesa (stella polare) e dal cielo (i Carri) verso il paradiso.

L’interno neo-rinascimentale

L’interno, in stile architettonico neo-rinascimentale con decorazione barocche, presenta una pianta a croce latina a tre navate e un soffitto dorato a cassettoni del XVII secolo riccamente intagliato.

Il bombardamento del 1944

Al Duomo è tristemente legato il ricordo del bombardamento alleato del 22 luglio 1944, che uccise 55 persone assiepate all’interno della chiesa a causa dei Nazisti. All’episodio si è ispirato il film “La notte di San Lorenzo”, il più celebre dei fratelli Taviani, originari di San Miniato.

Il film dei fratelli Taviani

All’episodio appena citato è ispirato il film “La notte di San Lorenzo”, il più celebre dei fratelli Taviani, originari di San Miniato. La pellicola è ambientata nel 1944, nel paesino fittizio di San Martino, che in realtà è San Miniato. Il film ricostruisce i fatti dell’agosto di quell’anno, che culminarono nell’eccidio di 55 persone all’interno del Duomo.

La facciata e l’interno della chiesa che si vedono sullo schermo non sono originali ma quelli della Collegiata di Sant’Andrea a Empoli: i fratelli Taviani, nati a San Miniato, ritenevano che usare il “vero” Duomo avrebbe generato un impatto emotivo troppo forte.

“La notte di San Lorenzo” ha vinto, al Festival di Cannes, il Grand Prix Speciale della Giuria e il premio della giuria ecumenica.

Diocesi di San Miniato – 400 anni di storia: è stata istituita il 5 dicembre 1622 con bolla papale, grazie a Maria Maddalena d’Austria (vedova di Cosimo II dei Medici) e all’ambasciatore Francesco Niccolini presso la Santa Sede. La diocesi, ricavata da quella di Lucca, era composta da circa 90 chiese e una ventina di monasteri femminili o conventi di frati. Nel IV centenario della Diocesi ci saranno solenni festeggiamenti per l’Anno Giubilare dal 5 dicembre 2022 al 26 novembre 2023



Iscriviti alla nostra Newsletter!