/

DESCRIZIONE

La Riserva Naturale di Berignone si sviluppa su una superficie di oltre 2000 ettari, riconosciuti a livello europeo come Zona Speciale di Conservazione. I rilievi culminano nel Monte Soldano, inciso da torrenti di acque chiare come il Fosci o il Cecina, che scorre nella riserva per un tratto lasciando un indelebile ricordo nelle piscine naturali al Masso delle Fanciulle e al Masso degli Specchi.

Oltre a possedere un notevole interesse naturalistico, la Riserva testimonia una presenza importante dell’uomo: le rocche medievali del Castello dei Vescovi e il Castello di Luppiano, quest’ultimo appena fuori dalla Riserva. Il primo è stato anche zecca dove venivano coniate le monete dei Grossi volterrani.

Le antiche foreste di alberi decidui e sempreverdi ospitano rapaci, picchi, e moltissimi altri uccelli. Nel vicino Bosco di Tatti vive la quercia rovere, uno dei popolamenti più importanti d’Italia.  Arricchiscono la fauna la presenza  del lupo, il gatto selvatico, la puzzola, il tasso.



Il territorio, oltre a possedere un notevole interesse naturalistico, racconta l’importante presenza dell’uomo, a testimonianza le vestigia delle belle rocche medievali: il Castello dei Vescovi e il Castello di Luppiano, quest’ultimo appena fuori dalla Riserva.

I numerosi antichi sentieri adatti  permettono di esplorare in sicurezza la Riserva, di apprezzare un paesaggio forestale sempre diverso in ogni stagione dell’anno e di apprendere di più sulla la fauna e flora che qui si conservano.