/

DESCRIZIONE

La storia del piccolo museo dei mattonai è strettamente connessa alla fabbricazione dei laterizi e alle fornaci che avevano la sede nella frazione di La Rotta vicino a Pontedera. Qui si producevano mattoni sin dal secolo XI, grazie ad una favorevole posizione che permetteva di sfruttare i depositi di argille dei fiumi Arno e Era.

Nell’Ottocento è attestata la presenza di 14 fornaci lungo l’Arno, stabilimenti abbastanza piccoli con forni alimentati a legna. La produzione di laterizi aveva tuttavia un carattere stagionale: a primavera il paese si spopolava perché fornaciai e mattonai si spostavano in Piemonte e Lombardia, a lavorare in condizioni disumane fino a sedici ore al giorno. La prima fornace Hoffmann a fuoco continuo venne impiantata nel 1872.



Dentro il museo c’è anche un cippo di mattoni firmati dai bambini del posto, in ricordo di quando gli operai scrivevano sulle tegole per gioco o per tenere il conto dei pezzi prodotti. Da oltre un secolo si svolge a settembre la Fiera dei fischi e delle campanelle in ricordo dei mattonai che nei momenti di pausa utilizzavano gli scarti di argilla per fare fischi e campanelle ai bambini.


 

Pontedera, La Rotta | Museo dei Mattonai

 

 



Iscriviti alla nostra Newsletter!