/

DESCRIZIONE

La Tenuta di San Rossore è stata proprietà del Re d’Italia, poi dal 1956 al 1999 del Presidente della Repubblica Italiana, quindi della Regione Toscana. Fa parte del Parco Naturale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli.

Nei pressi dell’ingresso principale, in località Cascine Vecchie, si trova il Centro Visite San Rossore, ufficio informazioni e punto di ritrovo per le visite guidate e didattiche a piedi, in bicicletta, in pullman, con trenino ecologico, a cavallo e in carrozza. Ad ingresso gratuito, non è raggiungibile con bus urbano da Pisa

La Tenuta è una vasta pianura alluvionale con varie zone: “tomboli” con dune di sabbia e vegetazione, “lame” con terreni trasformati in acquitrino per il ristagno di acque, e  “bosco umido” grazie alla disponibilità di acqua sul terreno.  Tra gli animali facilmente osservabili vi sono il daino, il cinghiale ed un’elevata presenza di uccelli migratori, soprattutto nel periodo di svernamento e durante la migrazione primaverile.

San Rossore è sinonimo anche di corse di cavalli: nel lontano 1854 si svolse nell’Ippodromo la prima corsa di cavalli. Oggi vi si svolgono gare ippiche di livello internazionale, tra cui l’antico e prestigioso Premio Pisa in aprile. Prima ancora però era famoso per avere ospitato un allevamento di dromedari. Il primo esemplare, introdotto da Ferdinando II De’ Medici, si adattò così bene che negli anni successivi il loro numero arrivò a 200 unità. La carestia della seconda guerra mondiale fu fatale e nel 1976 morì l’ultimo esemplare.


 

 

ATTENZIONE
Da domenica 15 novembre l’accesso è possibile se motivato da esigenza lavorative, di salute e situazioni di necessità consegnando l’autocertificazione all’unico ingresso dal Ponte alla Trombe da cui sarà possibile raggiungere anche le zone della Sterpaia e di Cascine Nuove.

Rimane possibile dalle 7.30 alle 17.30 lo svolgimento dell’attività sportiva (footing, jogging e bicicletta) nella forma individuale, limitandosi alle aree Sterpaia – Cascine Vecchie – Cascine Nuove e Cascine Vecchie – Villa del Gombo fino al cartello di divieto di accesso.

Dalle 7.30 alle 22 le attività di ristorazione all’interno della Tenuta continueranno a lavorare per la vendita da asporto e la consegna a domicilio: per l’asporto l’ingresso e la permanenza dei clienti nei locali è consentita per il tempo strettamente necessario al ritiro.

Per i suddetti motivi (lavoro, attività sportiva, ritiro cibo da asporto, situazioni di salute e di necessità) è consentito l’accesso in auto e in moto.




Iscriviti alla nostra Newsletter!