/

DESCRIZIONE

Oltre ai circa 3400 preparati e 1300 modelli anatomici utilizzati dai docenti della Facoltà di Medicina per le lezioni ed esercitazioni, il Museo di Anatomia Umana “Filippo Civinini” conserva preziose raccolte archeologiche, tra cui una mummia egizia con sarcofago, corredi funerari e vasi precolombiani, raccolti dal medico e studioso Carlo Regnoli nella seconda metà dell’Ottocento.

L’esposizione museale è completata dalla Galleria dei Busti, con gessi di antichi anatomisti, e soprattutto dalla Galleria Mascagni, dove sono esposte le tavole anatomiche di Paolo Mascagnitra le più monumentali opere mai pubblicate. Si tratta infatti di 44 enormi tavole acquerellate straordinarie per precisione e ricchezza di particolari, che rappresentano un uomo alto circa 1,75 cm (alto per la media di quei tempi) a grandezza naturale.  Pensate che per disegnarlo in tutta la sua altezza sono necessarie tre tavole.

Pisa è stata una delle prime città universitarie a possedere una Scuola Anatomica: l’insegnamento dell’Anatomia Umana iniziò per volontà di Cosimo I dei Medici che fece costruire un Teatro Anatomico. In quel periodo, il famoso Andrea Vesalio (1514-1564), considerato il padre dell’anatomia moderna, fu chiamato a Pisa per effettuare dissezioni. Furono queste le basi per la nascita del Museo di Anatomia Umana.

Dal 1834 Filippo Civinini, a cui il museo è intitolato, ne continuò l’opera di sistemazione e catalogazione e lo inaugurò con il nome di Gabinetto Anatomico, soprattutto in vista della Prima Riunione degli Scienziati Italiani, tenuta a Pisa nel 1839. 

Il Museo di Anatomia Umana “Filippo Civinini” fa parte del Sistema Museale di Ateneo dell’Università di Pisa, nonché della Rete Museale Pisana.

ATTUALMENTE CHIUSO

Info: 050.992894
Si consiglia di visitare il sito del Museo di Anatomia Umana “Filippo Civinini” e/o scrivere a info.mau@sma.unipi.it

 

 

 

Pisa | Museo di Anatomia Umana “Filippo Civinini”