/

DESCRIZIONE

Si tratta dell’ unica collezione al mondo, dove si rivela il vero genio e la capacità dell’artista. La sinopia rappresenta infatti la prima fase di realizzazione dell’affresco, il disegno tracciato sul primo strato di intonaco stendendo a pennello un pigmento rosso (la terra di Sinòpe) mescolato ad acqua: è con questo composto che i Maestri impegnati a ‘narrare’ le storie dell’Antico e Nuovo testamento sulle pareti del Camposanto fissarono le loro idee, tracciarono le scene, delinearono i personaggi e i dettagli.

Il 27 luglio del 1944 una granata dell’artiglieria americana colpì il tetto del Camposanto incendiandolo e provocando le colate di piombo fuso sugli affreschi che ne ricoprivano le pareti. L’unico rimedio ritenuto allora possibile per la conservazione dei dipinti fu il distacco mediante la tecnica dello “strappo”. Tale operazione portò alla scoperta delle “sinopie che rappresentano quindi i disegni preparatori degli affreschi sulle pareti del Camposanto. Qui si possono ammirare e confrontare lo stile di Bonamico Buffalmacco, l’autore del famoso “Trionfo della Morte”, di Taddeo Gaddi e Benozzo Gozzoli.

Il museo ha sede nello Spedale Nuovo ex pellegrinaio costruito a metà XIII secolo da Giovanni Di Simone per ricordare l’avvenuta riconciliazione di Pisa con la Chiesa dopo la scomunica di Papa Alessandro IV a seguito di un episodio. Nel 1241 la flotta pisana aveva infatti assalito e catturato le navi genovesi che trasportavano i vescovi convocati a Roma per il Concilio indetto contro l’imperatore Federico II.

Orario apertura: vedi pagina

Tickets:  vedi pagina
bigliettionline@opapisa.it

Info: Opera Primaziale Pisana
info@opapisa.it

 

 

Pisa, Piazza dei Miracoli | Museo delle Sinopie