/

DESCRIZIONE

La Chiesa di Santa Maria della Spina in origine si chiamava Santa Maria del Ponte Nuovo, in quanto venne costruita sulla riva dell’Arno all’altezza del ponte – distrutto nel XV secolo – che collegava via Santa Maria con l’odierna Via Sant’Antonio.

Chiesa di Santa Maria della Spina

Santa Maria della Spina ©Guglielmo Giambartolomei

La Chiesa deve il suo nome al fatto che un tempo custodiva una delle spine della corona di Cristo, che attualmente si trova nella chiesa di Santa Chiara (in Via Roma, vicino Piazza dei Miracoli).

La facciata in stile gotico, con numerose guglie, è divisa al centro da un pilastro che regge una Madonna col Bambino tra due angeli.

L’interno è ad aula unica, con pareti spartite da fasce bicrome, tipiche del romanico pisano. La Chiesa conserva il tabernacolo, che conteneva la reliquia della Spina, e una copia della Madonna del Latte di Andrea e Nino Pisano (l’originale è esposto al Museo Nazionale di San Matteo sul Lungarno Mediceo).

A causa dei danni delle frequenti piene dell’Arno, nel 1871 la chiesa fu smontata e ricostruita un metro più in alto rispetto alla posizione iniziale.

La chiesa è attualmente location di mostre di arte temporanee.