/

DESCRIZIONE

A una manciata di km dal vociare dei turisti che visitano Pisa e la sua splendida Piazza dei Miracoli, c’è un’isola di natura verde e silenziosa. È il Parco Naturale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, area protetta si estende sulla fascia costiera e comprende i comuni di Pisa, Viareggio, San Giuliano Terme, Vecchiano, Massarosa e Livorno. Una oasi di natura in un’area costiera densamente urbanizzata, a intenso sfruttamento balneare.

Un mosaico di ambienti molto diversi tra loro ma rimasti intatti: la Macchia Lucchese, il Lago di Massaciuccoli, la ex Tenuta Presidenziale di San Rossore, le foreste di Tombolo e di Migliarin, le foci dell’Arno e del Serchio. Il Parco gestisce anche le Secche della Meloria, gli scogli compresi tra Livorno e l’isola di Gorgona.

Il Parco può essere visitato con escursioni libere o guidate, anche per i più piccoli, non solo a piedi ma anche in bici, a bordo di un calesse, con un trenino ecologico e con il battello.

La Tenuta San Rossore è stata la stata prima proprietà del Re d’Italia, poi del Presidente della Repubblica dal 1956 al 1999. Nel Medioevo vi erano in questa zona molti monasteri, tra i quali uno dedicato a San Luxorio, diventato poi San Rossore. Dal 1500 al 1700 la famiglia Medici prese in affitto le terre ed acquistò, tra l’altro, anche il Casale La Sterpaia. Fu proprio il Granduca Ferdinando I de’ Medici ad iniziare la bonifica dell’ultimo tratto dell’Arno, che fu spostato più a nord di 2 km. Si tratta del cosiddetto “Taglio Ferdinandeo”. E fu Ferdinando II de’ Medici, nel 1622, ad introdurre nella Tenuta i dromedari, che vi si ambientarono talmente bene da rimanervi fino al 1976, anno in cui, a seguito della carestia successiva alla Seconda Guerra Mondiale che già li aveva decimati, morì l’ultimo esemplare.

Oltre ai dromedari, la Tenuta San Rossore nel corso dei secoli è stata popolata anche da numerosi cavalli: fu Leopoldo II di Lorena a costruire l’Ippodromo, detto Prato degli Escoli. Dal 1885 la corsa più prestigiosa che vi si corre è il “Premio Pisa” riservata ai cavalli di tre anni sui 1.600 metri.

Il Parco offre la possibilità a tutti di poter visitare i suoi ambienti più preziosi. Sono stati disegnati itinerari allestiti con passatoie, passerelle, scivoli in legno e speciali strutture per stimolare la vista e l’udito, in modo da consentire anche alle persone con disabilità motoria e sensoriale di poter vivere questo angolo di Toscana. Oltre alla possibilità di visitare alcune aree in maniera autonoma, il Parco offre molteplici opportunità di soggiorni, vacanze natura, visite guidate e proposte di educazione ambientale per le scuole.

 

 

 

 

 

 

 

Pisa | Parco Migliarino San Rossore Massaciu