/

DESCRIZIONE

L’ Antiquarium fa parte del Sistema Museale Montopolese: espone in mostre temporanee i reperti di età etrusca, medievale e moderna provenienti dagli scavi del  castello di Marti, sul vicino colle detto “Il Bastione”, tra cui alcuni interessanti nuclei di ceramica prodotta nel Basso Valdarno tra il Mille e il Cinquecento e diversi laterizi provenienti da una fornace medievale.

Nell’area archeologica sempre aperta è stato realizzato un percorso attrezzato che parte dalla tomba etrusca “Gina” e segue l’antica strada lungo la collina passando davanti alla notevole fornace per mattoni di epoca medievale, fino a salire in sommità alla possente rocca del “Bastione” con vista panoramica sulle colline del Valdarno.

A Marti si trova la bella Pieve di S. Maria Novella, eretta nel 1332. Dopo le distruzioni ed il saccheggio da parte dei fiorentini la pieve non venne officiata per alcuni decenni fino a che, nel 1470, venne restaurata per poi essere consacrata nuovamente dal vescovo di Lucca, Alessandro Guidiccioni. Sul crocifisso si narra un’interessante leggenda popolare: secondo la tradizione il Cavaliere dell’Ordine di Santo Stefano, Vincenzo Baldovinetti, fu capitano di una nave al cui interno venne misteriosamente ritrovata l’immagine del crocifisso, il quale venne donato poi generosamente alla Chiesa di Marti dallo stesso capitano.