/

DESCRIZIONE

Ogni anno Pisa attende l’arrivo dell’estate non solo per la spensieratezza che porta con sé e per il grande afflusso di turisti stranieri che invadono Piazza dei Miracoli più che nelle altre stagioni ma anche per il fitto calendario di eventi che animano la vita cittadina, concentrati in quello che ormai non è più solo giugno, ma il Giugno Pisano. Un mese che ha il suo fulcro nella Luminara e nel Palio di San Ranieri: da tempo immemore, la sera del 16 giugno, Pisa spegne tutte le sue luci, lasciando che a illuminare i lungarni sia un “tappeto” di 100mila lumini; il giorno successivo, San Ranieri, si svolgono altri due eventi centrali, il corteo storico e la regata che vede impegnati gli equipaggi dei quattro quartieri cittadini.

Pisa – ll Giugno Pisano

Il Giugno Pisano però non è solo San Ranieri: inizia a fine maggio con il Mazzascudo in Piazza dei Cavalieri, e si conclude il 6 luglio, con lo Sposalizio col Mare. Il Mazzascudo si disputa il 28 maggio e consiste nella rievocazione di un gioco medievale del quale si sa ben poco: i documenti parlano di due squadre di combattenti che si affrontavano impugnando, appunto, una mazza e uno scudo.
Anche dello Sposalizio col Mare ci sono giunte pochissime notizie. Doveva trattarsi di una cerimonia religiosa che simboleggiava il dominio marittimo di Pisa e consisteva in una lunga processione che portava la reliquia di Papa Clemente I dal Duomo alla Basilica di San Piero a Grado, per poi concludersi di fronte al mare. Oggi, ogni 6 luglio, un’imbarcazione, senza intenti religiosi ma solo commemorativi, ripete il percorso e accompagna in mare aperto una bambina, simboleggiante Pisa, che getta in acqua un anello.

Come non citare poi, tra le celebrazioni del Giugno Pisano, la Regata delle Antiche Repubbliche Marinare e il Gioco del Ponte. La prima non ha bisogno di presentazioni: vede fronteggiarsi a suon di energiche vogate le quattro città che imposero il loro dominio sul Mediterraneo nel Medioevo, ovvero Venezia, Genova, Pisa e Amalfi. Ogni quattro anni si disputa a Pisa ed è un motivo in più per farsi conquistare dalla vivace atmosfera di festa. Il Gioco del Ponte è un’altra festa molto sentita dai quartieri cittadini che, organizzati nelle Magistrature di Mezzogiorno e Tramontana, si ritrovano ogni ultimo sabato di giugno sul Ponte di Mezzo e danno vita a una sfida agguerrita, che consiste nello spingere un carrello dalla parte avversaria.
I pisani vivono insomma con passione il rapporto con il loro glorioso passato e riescono a trasmettere questo senso di appartenenza a tutti quei turisti che capitano per le vie cittadine durante le celebrazioni, i giochi, le regate. Che vi assistano per caso o perché già le conoscono, non potranno infatti non rimanere stupiti dalla storia che si fa presente, che si riaffiora in colorati costumi, drappi, imbarcazioni finemente decorate e lumini che rivestono antichi palazzi.