/

DESCRIZIONE

Virgo è uno dei tre osservatori al mondo in grado di rivelare le onde gravitazionali, flebilissimi segnali cosmici che ci permettono di osservare straordinari fenomeni dell’Universo profondo a distanze inimmaginabili dalla Terra, come la fusione di buchi neri o di stelle.. Il rivelatore è costituito da due lunghi bracci di tre chilometri distesi nella campagna tra Pisa e Cascina, dotati di tecnologie estremamente sofisticate, che consentono anche un continuo monitoraggio di segnali di altra natura, ad esempio sismici, atmosferici, legati agli ecosistemi naturali o di origine umana.

Del resto rivelare le onde gravitazionali non è un compito facile. E’ stato necessario un secolo di ricerca e sviluppi tecnologici per arrivare alla scoperta nel 2015 delle onde, teorizzate per la prima volta all’inizio dello scorso secolo da Albert Einstein. Virgo è stato costruito alla fine degli anni 90’ ed è ospitato all’interno di EGO, L’Osservatorio Gravitazionale Europeo, un’istituzione di ricerca internazionale finanziata da Italia, Francia e Paesi Bassi e una infrastruttura di ricerca di eccellenza unica in Europa.

Virgo prende il nome dall’ammasso della Vergine che consiste di circa 1500 galassie e distante circa 50 milioni di anni luce dalla Terra. Le onde gravitazionali sono completamente diverse dalla luce, il principale “mezzo” utilizzato finora per studiare l’Universo. Rivelare le onde gravitazionali non è un compito facile. E’ stato necessario più di mezzo secolo di sviluppi tecnologici e sperimentali, condotti da scienziati in tutto il mondo, per intercettare le prime onde gravitazionali con gli interferometri nel 2015.