/

12 agosto 2018 - 19 agosto 2018

-

Centro storico Volterra
centro, piazze e luoghi limitrofi
Volterra

Volterra non serba solo luminose vestigia del passato etrusco e romano, ammirabili nelle mura e nel teatro ma anche un diffuso patrimonio di chiese, pievi e oratori che risalgono al Medioevo. Durante il secondo e il terzo fine settimana di agosto tutta la città, per ricordare la signoria vescovile che volle questi monumenti, fa un salto indietro di oltre 600 anni, e si trasforma di nuovo in ciò che fu: “Volterra AD 1398”. La Signoria è solo un ricordo evocato dai polverosi documenti ma le strade del borgo fanno ogni anno da sfondo a banchi di artigiani e commercianti, sfilate di popolani e nobili, spettacoli di giocolieri.
Nel Parco di Castello, poi, ai piedi dell’imponente Fortezza Medicea, si avvicendano dame e cavalieri, sbandieratori e balestrieri che danno prova della loro destrezza, musici che allietano il pubblico accorso in gran numero. Passeggiando lentamente per ripide stradine in salita, i turisti del 2000 si confondono ai volterrani del 1398. Lo sciame di folla si muove ondeggiando da un banco all’altro, disperdendosi là dove le viuzze si aprono in ariose piazze dominate da chiese e palazzi. Completano lo scenario, attorno al borgo, le Balze, degli aspri e ripidi speroni di roccia che dominano la Val di Cecina.

20° Volterra AD 1398 | Volterra

Un mondo perfettamente ricostruito
La rievocazione volterrana, tra le tante sparse per l’Italia, si distingue per l’accuratissima ricostruzione filologica, i costumi, il contesto architettonico perfettamente conservato. Appassionati volontari, in collaborazione con il comune e i commercianti, sono coinvolti nella macchina organizzativa, attualizzano la memoria di un primato economico-culturale di cui vanno ancora fieri.

La rievocazione è talmente fedele che l’Euro viene sostituito con il Grosso, una moneta di rame o d’oro disponibile all’Offizio Cambio. Può essere utilizzata per acquistare tutto ciò che i banchetti offrono, dalle prelibatezze enogastronomiche ai manufatti artigianali. Durante la festa viene anche organizzata una cena medievale, con un menù che riprende gustosi piatti della tradizione opportunamente rinominati, come la “Ciccia aromatica dello Cavaliere” e le “Delizie dello Giullare”.

Sito ufficiale evento:
http://www.volterra1398.it/it/