/

09 novembre 2018 - 11 novembre 2018

-

Palazzo dei Congressi
via Giacomo Matteotti, 1
Pisa

Pisa Book Festival (9-11 novembre) arriva alla sua 16° edizione con numeri di assoluto rispetto. 162 agguerritissimi editori indipendenti, che con appassionata fatica, rivendicano autonomia e spazio commerciale in un mercato sempre più difficile, soffocato dal monopolio dei grandi gruppi editoriali e dalle catene librarie. È una scommessa difficile, addirittura impervia, ma l’ambizione della libertà, se sorretta da una passione colta e determinata, alla fine paga. Pisa Book Festival in qualche modo diventa così uno spaccato credibile della situazione dell’editoria italiana.

16° Pisa Book Festival | Pisa

Iniziata nel 2002 con un manipolo di appena 56 marchi editoriali oggi la rassegna vede triplicate le sue presenze, dato da leggersi in termini chiaramente ottimistici, a dimostrazione che l’editoria di nicchia, che spesso propone idee e novità realmente tali, gode, se non di un’ottima, almeno di una sufficiente salute per proporre cultura e stimoli nuovi.
L’ormai confermato riconoscimento di Pisa Book Festival è altresì sottolineato da un programma di assoluto interesse: le anteprime degli editori indipendenti, il focus sul paese ospite, i grandi ospiti, gli autori del Repubblica Caffè, i seminari del centro traduzione e lo spazio Junior con laboratori dedicati ai piccoli lettori e alle famiglie.

Uno scelto numero di personalità della narrativa internazionali si avvicenderanno nella intensa tre giorni. Dalla Spagna, paese ospite, giungono alcune penne di confermato rilievo: quella caustica e lucida di Lorenzo Silva, quella proustianamente immaginifica di Rosa Montero, quella del giovane talento noir Domingo Villar, quella eclettica e imprevedibile di José Ovejero. E poi alcuni fra i nostri migliori scrittori fra cui Roberto Cotroneo, Bruno Arpaia, Massimo Polidoro, Marco Vichi e Marco Malvaldi.
Focus 2018 sarà la Poesia con recital di Tiziano Scarpa e del grande Valerio Magrelli con un tributo a Garcia Lorca.